Data: 3 dicembre 2016 Categoria: ,

QUANDO

— sabato 3 dicembre 2016, dalle 9 alle 12, 180 minuti di pura urbanistica da strada

CHI
— 55 studenti dai 18 ai 25 anni provenienti da tutta Italia arrivati a Trieste attraverso il progetto formativo “Comunità che innovano” promosso dalla Caritas; i partecipanti, suddivisi in 4 gruppi di lavoro etergonei e casuali, sono stati coordinati da altrettanti tutor (Arturo Cannarozzo, Elia Dal Maso, Matthew Earle e Marco Svara – coordinatore generale) con professionalità e sensibilità di erenti

PERCHÉ
—per sperimentare concretamente, sul campo, una serie di meccanismi, strumenti,
modelli, approcci che contraddistinguono qualsiasi processo di rigenerazione
urbana, arrivando, in meno di 200 minuti, alla costruzione collaborativa di proposte progettuali “resilienti”

COME
dando risposta a queste due domande:
— come (ri)connettere Melara alla città di Trieste? come renderla una parte integrante e integrata, complementare e sinergica?
— come aumentare il senso di “comunità”? come migliorare la quotidianità dei suoi abitanti?

DOVE
—QUADRILATERO DI MELARA, TRIESTE realizzato tra il 1969 e il 1982 da un team di architetti coordinati da Carlo Celli / i primi abitanti arrivarono nel 1979 due corpi ad L per un volume totale
di 267.000 mc ed una superficie di 89.000 mq / 468 appartamenti, diverse attività commerciali (molte delle quali chiuse), servizi (scuola, poste, ricreatorio), spazi aperti, campi gioco, parcheggi e circa 2.500 residenti / di proprietà dell’ATER Trieste

Clicca qui per scaricare la pubblicazione istantanea realizzata 24 ore dopo la chiusura dell’attività di workshop.